Mainardi: Tav non vi piace? E allora chiamiamola ammodernamento

Posted on agosto 20, 2012 di

0


Coordinamento Veneto NoTav

Oggetto: Dichiarazioni del coordinamento in merito alle recenti esternazioni del commissario Mainardi sulla tav in veneto, di cui si riportano stralci e video.

Ricordate il Gattopardo? Il Principe di Salina è un vecchio aristocratico che assiste all’avanzata del risorgimento e cerca a suo modo di adeguarsi -solo in superficie- alla nuova realtà, perchè ‘tutto cambi senza che nulla cambi.

Deve essere un attento lettore di Tommasi di Lampedusa il nostro ‘commissario tav’ Mainardi. E’ notizia del due agosto che il commissario per la TAV si sarebbe espresso contro la TAV. Italietta. Come riporta l’agenzia Asca avrebbe detto: “basta salire su un treno di queste linee per capire che e’ indispensabile l’ammodernamento […] anziche’ investire nell’insostenibile”.

Delle due l’una commissario Mainardi. O lei con queste dichiarazioni sta presentando le sue dimmissioni da commissario per l’alta velocità nella tratta Venezia Trieste, oppure sta chiamando ‘ammodernamento’ la TAV. E
non ci risulta lei abbia presentato le sue dimissioni.

Perchè nonostante le acrobazie verbali, contenute già nella denominazione ufficiale del suo incarico “Commissario straordinario per l’asse ferroviario Venezia – Trieste”, sappiamo bene che il suo compito è realizzare la TAV fra Venezia – Trieste. Lo sappiamo perchè ce l’ha detto lei stesso, nella sua intervista al Corriere del Veneto del 12/4/2012, in cui ha detto: «Sia chiara una cosa: il 30 giugno ne usciamo con un tracciato ben definito. Non è in discussione la Tav, quella si fa e basta, ma il percorso» (1)

In effetti il fumus comunicativo del nostro commissario comincia fin dalla data della sua nomina. Il commissario Mainardi evita praticamente ovunque, straordinariamente, di nominare l’alta velocità. Presenta un progetto di quadruplicamento il 23 aprile 2012 (lo chiama appunto quadruplicamento) ma le due linee additive che indica sulle mappe saranno linee per ‘l’alta velocità/alta capacità’ segnate, nelle scarne documentazioni presentate, con un incerto tratto rosso con su scritto ‘Velocità di tracciato=250Km/h’. Tav appunto, secondo la definizione della direttiva europea 2008/57/C2009/131/CE, non certo generico ‘corridoio’.

Noi vogliamo l’ammodernamento dell’esistente, vogliamo che l’applicazione di tecnologie più sicure faccia viaggiare più persone e più merci dalla gomma ai binari esistenti, com’è possibile e ampiamente dimostrato dagli studiosi della materia e dalla pratica dell’esercizio ferroviario. Noi vogliamo servizi diretti al trasporto locale, ai pendolari, ovvero il 90% dell’utenza di questa linea. Lei vuole l’inutile alta velocità, da far passare su due inutili nuovi binari, a 250Km/H nel bel mezzo di centri densamente abitati.

Quindi non confonda le acque approfittando della disattenzione di molti, troppi amministratori pubblici. I cittadini non hanno poltrone da difendere o da conquistare, nè arroganti vertici di partito cui rendere conto, nè barche da sogno per trascorrere agosti dorati in qualche isola tropicale. I cittadini sono qui, anche in agosto, ad ascoltare cose già sentite. Perchè, forse non ci crederà, ma le cose che va dicendo lei non sono nuove. “E’ alta capacità”, lo dicevano anche per la Milano – Torino qualche anno fa. Il modello di esercizio di quella linea prevedeva il passaggio di 160 coppie di treni la giorno, 120 per i passeggeri e 40 per le merci. Nel 2010 sulla nuova tratta di AV/AC Milano – Torino passano invece solo 9 coppie di treni al giorno per passeggeri e non passa nessun treno merci. E’ questa la realtà, il resto è fumo per confondere.

Commissario. Se pensa che quest’opera sia inutile aspettiamo le sue dimissioni, lei infatti è stato nominato per farla approvare l’alta velocità, lo ha ribadito lei stesso. Oppure torni a chiamarla con il suo nome, lei ha un
incarico pubblico e quindi un dovere di trasparenza.

Link
(1) http://corrieredelveneto.corriere.it/verona/notizie/cronaca/2012/12-aprile-2012/tav-la-ferrovia-costi-abbattuti-mainardi-spinge-il-nuovo-tracciato-2004046957189.shtml

Alcuni materiali

Affiancamento ammodernamento, tav. Tutto in uno.



Il conflitto di interessi di Bortolo Mainardi
http://www.alessandrocorazza.it/homepage/comunicati-stampa/la-regione-intervenga-sul-conflitto-dinteressi-di-mainardi/

Commissario Tav, commissione Via e Incarico Anas.
Tutte le sedie del commissario.
http://www.igitalia.it/default.asp?go=view_primo&id=411

Annunci